­

 

Sono a Tenerife al mare in un'isola con un clima fantastico mai roppo caldo mai troppo freddo escursioni termiche tra giorno e notte di 3-4 gradi al massimo. dopo una settimana di solo mare, passeggiate e corse sul lungo mare decido con un gruppetto di tedeschi di partire alla volta della cima più alta di Spagna ovvero la vetta del cratere del Teide il 3° vulcano più grande del mondo dalla sua base.
Un pulmann ci porta alla base del vulcano a quota circa 2200 metri dove ci lascia in mezzo alla strada per imboccare il sentiero che conduce alla vetta. Inizialmente è una sèpecie di forestale in mezzo a un panorama lunare con un fondo fatto tutto di pietra pomice sgretolata. Dopo circa 1 ora di cammino arriviamo alla fine di questa carrereccia e inizia il sentiero in single track che a zig-zag inizia a salire incessantemente. La pendenza del sentiero è davvero notevole e il sole picchia forte ma in circa 50 minuti siamo al rifugio "Altavista" a quota 3270. Sosta di qualche minuto e poi ripartenza per raggiungere il controllo a quaota 3570 (alla base superiore della teleferica) dove le guardie del parco controllano il permesso per poter accedere alla vetta. Ultima fatica per raggiungere la vetta e l'aria rarefatta inizia a rallentare i movimenti, ma il panorama del cratere con l'odore di zolfo e una vista panoramica mozzafiato ripagano ampiamente lo sforzo per arrivare sino a quì.

 


corepixx  logo-errepi-web GP accaio satinato trasparente piccolo   Softech